Il castello di Bracciano

Il castello di Bracciano fu iniziato nel 1.470 per volontà di Napoleone Orsini e completato 15 anni dopo dal figlio Gentil Virginio Orsini. Si tratta di uno dei monumenti più noti della zona ed è il simbolo di Bracciano, famoso per i matrimoni illustri che da sempre ospita, come quelli recenti di Eros Ramazzotti, Tom Cruise e Petra Ecclestone. Di forma pentagonale, il castello di Bracciano è cinto da tre cerchie di mura intramezzate da cinque torri.

Nell'arco della sua lunga esistenza il castello di Bracciano ha subito diverse modifiche ed ampliamenti. Nel 1.496 l'edificio fu sequestrato da Papa Alessandro VI, in aperto contrasto con la famiglia Orsini. Un diverbio che durerà molti anni prima che i nobili possano riappropriarsi del loro castello. Nel XVI secolo alcuni interventi in occasione del matrimonio tra Paolo Giordano Orsini ed Isabella de' Medici furono realizzati da Giacomo del Duca, allievo del grande Michelangelo.

Verso la fine del XVII secolo gli Orsini lasciarono la proprietà del castello di Bracciano alla famiglia Odescalchi, il cui prestigio era notevolmente cresciuto dopo l'innalzamento al soglio pontificio di Innocenzo XI. Dopo un breve passaggio ai Torlonia in seguito all'occupazione francese, il castello dal 1.848 tornò agli Odescalchi, che ne curarono un sapiente restauro per riportarlo agli antichi fasti. Dal 1.952 il castello Orsini-Odescalchi (da cui prende il nome la Trattoria del castello) è sede di un importante museo.